L’alimentazione dello sportivo: frutta e succhi come integrazione

On 13 novembre 2017 by karenpozzi@hotmail.it

Non siamo degli atleti professionisti (o almeno io non lo sono e invece Luca ci si avvicina molto) ma è importante svolgendo sport, a qualsiasi livello, seguire una dieta equilibrata. Anche l’amatore deve sapere come nutrirsi al meglio per migliorare la performance e il recupero! Nonostante siamo abbastanza informati su quella che deve essere l’alimentazione dello sportivo, ho accettato comunque con molto interesse di partecipare all’evento 100% Runner che si è tenuto sabato scorso al Palabadminton, organizzato dal Comitato Succhi 100% Frutta, del quale fanno parte diversi produttori e marchi di succhi, e un esperto della società Italiana di Scienze dell’Alimentazione in collaborazione con Urban Runners e Women In Run. L’evento aveva come focus la sana alimentazione per gli sportivi amatori o professionisti e il ruolo della frutta e dei succhi, un argomento di grande interesse per me e il mio compagno che ogni giorno decidiamo cosa mangiare anche in funzione dei nostri impegni sportivi.

La Dottoressa Laura Rossi della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione (SISA) ha fornito dei consigli importanti.

Le esigenze nutritive di chi fa sport a livello amatoriale non necessitano di particolari accortezze se non quella di un maggiore apporto energetico ed idrico per supportare le aumentate richieste. Per lo sportivo agonista invece la maggiore durata, frequenza e intensità dell’allenamento comporta particolare attenzione, considerando anche il fatto che l’attività dura quasi tutto l’anno e praticamente tutti i giorni della settimana: i consigli nutrizionali quindi dovranno essere adattati alle necessità del singolo atleta.

SUCCHI 100% FRUTTA COME INTEGRATORI

L’acqua rappresenta senza dubbio il migliore mezzo di reidratazione, tuttavia coloro che sono sottoposti a sforzi fisici di particolare intensità o durata possono consumare soluzioni di acqua e zucchero sia durante l’attività se si supera l’ora, sia per il reintegro. Quest’integrazione può avvenire con il consumo di succhi di frutta al 100%. In questi casi le bevande non sono ipertoniche, idratano e apportano anche zuccheri semplici che possono essere importanti per il sostegno dell’attività o il recupero dell’attività sportiva per integrare i liquidi persi e i sali minerali. Rappresentano una valida modalità per integrare il potassio, sostanza che contribuisce al funzionamento dei muscoli e al mantenimento della normale pressione del sangue. Inoltre sono facili e veloci da consumare, adatti ad uno stile frenetico come il mio dove a volte manca anche il tempo per sbucciare una mela!

COSA SONO I SUCCHI 100% FRUTTA
Che sia d’arancia, ananas o pompelmo, il succo 100% frutta è ottenuto interamente dalla frutta spremuta e, come il frutto intero, è costituito per circa il 90% da acqua e per il 10% da zuccheri naturali. La normativa europea, infatti, non consente l’aggiunta di conservanti, zuccheri ed aromi al succo 100% frutta. Le vitamine, i minerali, i componenti bioattivi e il tenore di zuccheri della frutta saranno contenuti anche nel succo.

DA SAPERE
Tuttavia è bene sottolineare che non devono essere considerati come un sostituto della frutta a causa della mancanza di fibra, unita alla perdita di consistenza che elude uno dei meccanismi più importanti della sazietà che è la masticazione. Per questo il consumo di succhi 100% frutta può far parte della dieta nell’ambito di una corretta alimentazione soprattutto in quanto alternativa rispetto ad altre bevande zuccherate, non inteso sistematicamente come sostitutivo del consumo di frutta, associandosi ad un generoso apporto di fibra alimentare da fonti naturali quali verdura, frutta fresca, cereali integrali e legumi, non sostituendo il consumo di acqua e non aggiungendosi come bevanda alla merenda prevista e non sommandosi al consumo di bevande zuccherate di altro genere.

Il succo 100% frutta, se bevuto a colazione, aiuta ad iniziare con la giusta marcia la giornata, infatti la vitamina C contribuisce a ridurre la stanchezza e la fatica,  se bevuto mentre si mangia alimenti ricchi di ferro, ne agevola l’assorbimento, grazie alla vitamina C in esso contenuta, aiuta i bambini ad abituarsi al gusto di frutta e verdura, con ricadute positive nel lungo periodo nelle scelte alimentari.

 

Shares