Equitazione con Decathlon, prima lezione e attrezzatura

On 29 novembre 2017 by karenpozzi@hotmail.it

Come vi ho spiegato nell’articolo precedente, Decathlon, da qualche tempo offre un servizio in più per rendere lo sport accessibile a tutti. Ora lo fa regalando anche dell’esperienze sportive al raggiungimento di 200 punti sulla tessera fedeltà. Grazie a questo servizio, ho provato una lezione di yoga e una lezione d’equitazione presso il Centro Ippico Monzese di Villasanta. SCOPRI QUI COME RICEVERE IN REGALO UN’ESPERIENZA SPORTIVA!

PRIMA LEZIONE DI EQUITAZIONE
Durante la prima lezione la mia insegnante mi fatto fare dapprima qualche giro a piedi per capire come condurre il cavallo. Poi con l’aiuto di un rialzo, sono salita in sella e, posizionate al meglio le mani, ho dato un calcetto e la mia cavalla è partita! Per prima cosa ho imparato a “guidarla” e quindi come girare a destra e a sinistra grazie alle briglie per poi passare al trotto. Prima di inziare però, da ferma, l’insegnante mi ha spiegato come alzarmi e abbassarmi facendomi provare più volte il movimento. Avevo un pò di timore, ma appena la cavalla è partita mi sono tranquillizzata. É stata una bellissima esperienza, da rifare sicuramente.

PRENOTA QUI LA TUA LEZIONE DI EQUITAZIONE!

QUAL È L’ATTREZZATURA NECESSARIA PER ANDARE A CAVALLO?
Che sia la prima volta o siate esperte, per andare a cavallo, serve un’attrezzatura adatta che vi protegga mentre svolgete questa disciplina. Fouganza, il marchio di Decathlon specializzato in questa disciplina ha tutto l’occorrente. Cosa ti serve?

  • STIVALI: gli stivali da equitazione servono per proteggere la gamba dagli sfregamenti a contatto con la sella e permettono il buon posizionamento sul cavallo ma anche del piede nella staffa. Gli stivali hanno anche una parte di sicurezza perché minimizzano il rischio che il piede non resti incastrato nella staffa in caso di caduta. La scelta si fa in funzione di 2 criteri: la frequenza della pratica e le condizioni metereologiche.  Per quanto riguarda la pratica esistono stivali sintetici e di cuoio. I primi sono ideali per iniziare ad andare a cavallo. Vi assicureranno protezione, comfort ed impermeabilità con un eccellente rapporto qualità/prezzo. Quelli in cuoio, sono perfettamente adatti a un cavaliere che monta regolarmente e a livello intensivo. Il cuoio garantisce il contatto con il cavallo. Per condizioni climatiche di particolare freddo potete optare per un paio di stivali foderati di un componente creato per apportare isolamento termico.
    In alternativa vi sono gli stivaletti come quelli che indosso io e per la scelta bisogna far riferimento all’ambiente di pratica, al livello e al confort. L’ambiente di pratica è un criterio molto importante nella scelta degli stivaletti da equitazione. Infatti, dovrai optare per un modello diverso in base all’uso: outdoor o in maneggio. In funzione al livello di pratica, avrai bisogno di stivaletti più o meno resistenti e comodi. Il modello che indosso, ha le stringhe ma è dotato di cerniera per non doverle slacciare ogni volta. Nel caso degli stivaletti è meglio indossare anche le ghette.
  • PILE: necessario per la stagione fredda. Il taglio sciancrato, del modello di Fouganza, copre bene la fascia lombare e il cappuccio può essere messo intorno al collo per proteggersi dal freddo.
  • PANTALONI: per praticare equitazione comodamente la scelta di base è quella del pantalone per evitare sfregamenti e bruciature. La scelta si fa in funzione di 4 criteri: le condizioni climatiche, la libertà di movimento, la resistenza e l’aderenza. Nel primo caso è determinante il tessuto del pantalone, la maggior parte dei pantaloni vi permette di praticare equitazione tutto l’anno, ma ne esistono anche di specifici per il periodo invernale, per salire a cavallo sotto la pioggia e per il periodo estivo. Per avere la massima comodità e agilità, optate per un tessuto in maglia, molto estensibile e comodo per praticare equitazione senza costrizioni.  I pantaloni da equitazione devono avere cuciture rinforzate per assicurargli una buona durata di vita. I rinforzi localizzati ad altezza del ginocchio, proteggono l’interno della vostra gamba dal contatto costante con la sella.
  • CAP: indispensabile per andare a cavallo. Quello di Fouganza è ideato per proteggere la testa del cavaliere principiante, che monta da 1 a 2 volte a settimana, in caso di caduta.

 

 

 

Shares