Come ridurre la pancia subito dopo parto? Sì o no alla pancera?

On 2 agosto 2017 by karenpozzi@hotmail.it

Pancera post parto o no? Questo è uno dei dibattiti che riguarda la fase post parto di una donna. La funzionalità della guaina è quella di aiutare la ripresa dei muscoli addominali dopo la nascita del bambino, ma secondo alcuni, molti dei quali specialisti come ostetriche, farne uso sarebbe controproducente la rieducazione di alcuni muscoli. Dove sta la verità?

Portare la pancera senza abbinare da subito un lavoro di ripristino del tono addominale è sicuramente un grande errore perchè ci si abitua a essere sorrette dalla fascia e i muscoli addominali e lombari non si riabituano più a fare il loro dovere. La pancera però dice alla parete addominale dove deve stare, alla schiena di stare eretta e allungata e agli organi interni inizia a ricordare quale era la loro posizione prima della gravidanza, ma deve essere associata ad alcuni semplici esercizi di respirazione che possono essere fatti fin da pochi giorni dopo il parto: sdaraiata a pancia in su, con le gambe piegate e i piedi appoggiati a terra, si inspira ed espirando si contraggono gli addominali portando l’ombelico verso la colonna vertebrale. Nel frattempo è importante contrarre anche il pavimento pelvico in modo da rieducarlo in fretta ed evitare conseguenti perdite di urina.

Per confermare questo consiglio, sono andata alla ricerca di ulteriori informazioni sull’uso della pnacera nel post parto e tra le tante ho trovato anche questa: “Il consiglio è di indossarla in modo da aiutare a ripristinare i rapporti muscolo-tendineo-legamentosi della pancia e scaricare il pavimento pelvico dall’eccesivo peso dei visceri addominali” afferma la ginecologa. “La guaina nel post parto può servire per compensare le alterazioni posturali che la colonna si ritrova dopo nove mesi di gestazione, prevenendo fastidiosi mal di schiena ed aiutando ad assumere nuovamente una postura corretta (che tra l’altro ti abitua a mantenere i muscoli addominali naturalmente contratti). La pancera può essere indossata per una decina di giorni dopo il parto e solo quando si sta in piedi, mentre va tolta prima di andare a dormire”. FONTE: www.nostrofiglio.it

Bisogna tenere conto di alcuni limiti e accorgimenti. Innanzi tutto bisogna specificare che la fascia contenitiva non va usata se si ha avuto un parto cesareo e non immediatamente dopo il travaglio. Evitare di indossarla subito dopo il parto, ma almeno dopo 5-6 giorni. Toglierla quando si sentono i muscoli affaticati o la pelle irritata per il caldo. Sentire comunque il pare di esperti prima di prendere una decisione. Scegliere un un modello che sostenga senza costringere, in tessuto elastico e con fasce laterali regolabili e la mia ovviamente è Anita, marchio delle cinture di sostegno e dei reggiseni che ho utilizzato in gravidanza.

ReBelt Panty è stata appositamente sviluppata per favorire la regressione dell’addome dopo il parto e sostenere la parete addominale. La fascia sostiene il tessuto e rimodella addome, fianchi e glutei senza comprimere. Il tessuto doppiato sul davanti, rinforzato al girovita ed alla sgambatura, offre un comfort ottimale. E’ particolarmente comoda e regolabile lateralmente in ampiezza. Inoltre indossata sotto a abiti molto aderenti migliora la silouette.

DISPONIBILE QUI!

Oltre a pancera ed esercizi, sto usando ancora l’olio 9 mesi di Weleda che aiuta la pelle a ritornare elastica e tonica. Mi ha aiutato tantissimo in gravidanza per prevenire le smagliature e ora sarà il mio alleato anche nel post parto insieme all’olio alla betulla contro la cellulite! L’Olio 9 Mesi è una ricca miscela a base di:
– Olio di mandorle dolci, proveniente da agricoltura biologica, nutriente e ricco di acidi grassi polinsaturi;
– Olio di jojoba, dalle proprietà emollienti ed idratanti. L’olio di Jojoba impiegato da Weleda proviene da un progetto
di fai trade in Argentina. L’azienda collabora con gli agricoltori locali garantendo loro sempre un’equa retribuzione;
– Olio di germe di grano, ricco di vitamina E, nutre in profondità i tessuti;
– Estratto di fiori di arnica, dona sostegno al tessuto connettivo.

 

 

Shares